Passa ai contenuti principali

Recensione: Piccolo manuale sull'aspettativa di una travel blogger appena tornata (P. Bertoni)

“Piccolo manuale sull'aspettativa di una travel blogger appena tornata” è il tentativo ben riuscito di Paola Bertoni, autrice del Blog “Pasta Pizza Scones”, di spiegarci come ottenere un periodo di aspettativa non retribuita e prenderci così una pausa dal nostro lavoro dipendente. Una premessa, in ogni caso, è d'obbligo: il libro è indirizzato ai lavoratori con un contratto di lavoro indeterminato.
L'autrice mi ha generosamente concesso di leggere (gratuitamente!) il manoscritto in anteprima, chiedendomi solamente di lasciarle le mie impressioni in merito. Ergo, eccole qui!
Innanzitutto, si tratta di un libro incredibilmente semplice e, considerando tratti di burocrazia, la semplicità con la quale tutto viene chiarito è sicuramente un punto a favore. Se da un lato alcuni argomenti potrebbero, eventualmente, necessitare di un approfondimento maggiore, dall'altro la difficoltà del parlare di legislazioni rende spesso necessaria la filosofia dell' “imparare solo quanto mi serve”.
Il contenuto è suddiviso in capitoli, composti a loro volta da sottocapitoli, e la struttura generale è ordinata ed estremamente coerente. L'autrice esordisce con un'introduzione, prima di affrontare lo scoglio delle normative in tema di congedo dal lavoro e di trattare un argomento sicuramente fondamentale in caso di anni sabbatici: l'aspetto economico. È possibile guadagnare almeno qualcosina, una volta in cammino? Come fare a non rischiare il posto di lavoro che ci attende in Italia? Quali collaborazioni sono possibili e quali mansioni ci sono, invece, precluse? L'ebook si conclude con un excursus sulle spese da affrontare, sia in viaggio che in Italia, e offre un paio di buoni consigli in materia di risparmi da mettere da parte.
Complessivamente un buon manualetto che può servire da punto di partenza se davvero si sceglie di prendersi un periodo di pausa non retribuita dal lavoro e, eventualmente, mettersi in viaggio. Per intenderci: nel lontano 2013 mi presi sei mesi di congedo dal lavoro per un semestre Erasmus e lo feci senza sapere praticamente nulla in materia. Avessi avuto “Piccolo manuale sull'aspettativa di una travel blogger appena tornata” tra le mani, credetemi, sarebbe stata tutta un'altra vita!

Potete procedere all'acquisto dell'ebook QUI

Piccola nota di servizio: mi sono finalmente decisa ad aprire una pagina Facebook che ospiterà i contenuti di Hopeless Wanderer, magari qualche foto random e qualche articolo interessante. Che ne dite di cliccare "Mi piace"? ;-)

Commenti

  1. Il lavoro di Paola è sicuramente molto interessante e va letto. Io non so se farei mai una scelta del genere...tanto di cappello a chi ha il coraggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dobbiamo intraprendere per forza tutti lo stesso cammino ma, come hai giustamente sottolineato, arricchirsi delle esperienze altrui può solo far bene!

      Elimina
    2. Grazie! Quando ho fatto questa scelta ho capito di non essere una persona in grado di inseguire lo stile "mollo tutto" e credo che l'aspettativa possa essere un'ottima risorsa per rimettersi in gioco senza rischiare troppo. Spero che questo e-book possa aiutare anche altre persone a chiarirsi le idee e perché no, magari provare :)

      Elimina
  2. Interessantissima recensione e avevo letto che Paola aveva scritto questo Ebook, non avevo ancora avuto modo di informami! Paola ha tutta la mia stima. Mi piacciono le persone che si inventano e reinventano. Poi è un periodo che anch'io stavo pensando di elaborare un Ebook (tra altre mille cose) e quindi questo post mi dà la carica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello sapere che il lavoro altrui ti incita a lavorare ancora di più...la trovo un'ottima filosofia di lavoro/vita :)

      Elimina
    2. Grazie Rocio, pensa che io invece adoro la scelta che hai fatto tu di reinventarti una carriera all'estero! Raccontarci e confrontarci non può che stimolarci a tirare fuori sempre il meglio di noi

      Elimina
  3. Grazie per la recensione. Anch'io sogno un anno sabático e relativo viaggio ma con un bimbo piccolo tutto si complica... Però chissà cosa mi riserva la vita! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi associo alla risposta di Samanta, mai dire mai Alessia! Magari saranno solo pochi mesi in viaggio e sarà un'esperienza incredibile per il tuo bimbo, oppure continuerai a viaggiare nel tempo libero e andrà benissimo lo stesso :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat Life || Oh Joy, Sex Toy

Ieri, mentre passavo davanti al mio drug store tedesco di fiducia, non ho potuto fare a meno di notare una cosa che mi ha quasi fatta ringalluzzire. Complice anche San Valentino che, da bravo fetente, incombe su di noi, all'ingresso è stato collocato uno scaffale con dei vibratori, qualche confezione di lubrificante e dei profilattici.  Perché sono ringalluzzita? Perché trovo in qualche modo "moderno" (pure se odio questo termine, a volte) collocare oggetti che, inutile stare a prenderci in giro, fanno parte del nostro ménage in un negozio così banalmente quotidiano e, a modo suo, familiare. Familiarissimo, credetemi: alle 16:00 è pieno di madri con bambini usciti dall'asilo e/o figli adolescenti. Ricordo bene che, quando avevo 15-16 anni, l'unico modo per reperire qualcosa del genere sarebbe stato affidarsi al sex shop del caso, spesso distante una mezz'ora in macchina, e chiuso ai minorenni. Per comprare un pacchetto di preservativi, poi, toccava la via cr…